"Come Lui compirà la mia felicità è un mistero, ma io so che quello che voglio adesso è amarlo. Al resto ci penserà Lui... Lui che non mi ha mai imbrogliato" - Giovanna, vedova con 6 figli e malata di SLA
altri pensieri - 100 pensieri per 100 giorni


Prega con la touch_appApp (Android o iOS), sendTelegram, add_to_queue Estensione, e speakerAlexa smart speaker




Oggi:

Da 19 Gen : Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 1,29-34.
Visita il link

In quel tempo, Giovanni vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l'agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo! Ecco colui del quale io dissi: Dopo di me viene un uomo che mi è passato avanti, perché era prima di me.

Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare con acqua perché egli fosse fatto conoscere a Israele».

Giovanni rese testimonianza dicendo: «Ho visto lo Spirito scendere come una colomba dal cielo e posarsi su di lui.

Io non lo conoscevo, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua mi aveva detto: L'uomo sul quale vedrai scendere e rimanere lo Spirito è colui che battezza in Spirito Santo.

E io ho visto e ho reso testimonianza che questi è il Figlio di Dio».

Alla Delegazione di Pescatori da San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) (18 Gen 2020)
Visita il link

SALUTO DEL SANTO PADRE FRANCESCO
ALLA DELEGAZIONE DI PESCATORI
DA SAN BENEDETTO DEL TRONTO
(ASCOLI PICENO)

Sala Clementina
Sabato, 18 gennaio 2020

[Multimedia]


 

Cari fratelli e sorelle,

sono lieto di incontrarvi e vi saluto tutti cordialmente.

Ringrazio il vostro Vescovo per le sue parole, come pure i sacerdoti qui presenti, che accompagnano spiritualmente il vostro lavoro e le vostre famiglie.

Lungo la costa delle Marche, voi uscite con il buono e il cattivo tempo per prendere dal mare il necessario per vivere, con tanta passione, tanti sacrifici e anche qualche pericolo.

E i vostri cari condividono le difficoltà e la precarietà che questo vostro genere di vita comporta.

Voi siete una categoria significativa nella vita sociale del vostro territorio.

Nel progresso che caratterizza la società moderna, il pescatore può talvolta sentirsi tentato dal desiderio di un lavoro sicuro sulla terra ferma.

Eppure, chi è nato sul mare non può sradicare il mare dal suo cuore.

Vi esorto a non perdere la speranza di fronte agli inconvenienti e alle incertezze che dovete purtroppo affrontare: il coraggio non vi manca! Al tempo stesso, è necessario che sia valorizzato il vostro lavoro, spesso rischioso e duro, sostenendo i vostri diritti e le vostre legittime aspirazioni.

Da parte mia, voglio esprimervi un particolare apprezzamento per l’attività di bonifica dei fondali marini, che avete intrapreso con l’adesione di altre realtà associative e la collaborazione delle Autorità competenti.

Questa iniziativa è molto importante, sia per la grande quantità di rifiuti, specialmente di plastica, che avete recuperato, sia – e direi soprattutto – perché essa può diventare e sta già diventando un modello ripetibile in altre zone d’Italia e all’estero.

L’operazione “A Pesca di Plastica”, che avete effettuato in forma volontaria, è un esempio di come la società civile locale può e deve contribuire ad affrontare questioni di portata globale, senza nulla togliere, anzi, stimolando la responsabilità delle istituzioni.

E vedo che la cosa va avanti, perché dicevo al vostro Vescovo che l’altra volta che è venuto il gruppo mi parlavano di 6 tonnellate, adesso di 24: si va avanti!

Cari amici, il vostro è un lavoro antico.

Anche il mio predecessore Pietro era pescatore.

Nel Vangelo leggiamo una serie di avvenimenti legati alla vita e al mondo dei pescatori.

I primi discepoli di Gesù erano “vostri colleghi”, e Lui li chiamò a seguirlo proprio mentre stavano sistemando le reti sulla riva del lago di Galilea.

Mi piace pensare che anche oggi, quanti tra voi siete cristiani, sentiate la presenza spirituale del Signore accanto a voi.

La vostra fede anima valori preziosi: la religiosità popolare che si esprime nella fiducia in Dio, nel senso della preghiera e nell’educazione cristiana dei figli; la stima per la famiglia; il senso della solidarietà, per cui sentite il bisogno di aiutarvi a vicenda e di soccorrervi nelle necessità.

Per favore, non perdete questi valori!

Con questi auspici, vi affido alla protezione della Vergine Maria, che venerate come “Madonna della Marina”, e del vostro patrono San Francesco di Paola.

Invoco su di voi, sulle vostre famiglie e sul vostro lavoro la benedizione del Signore.

E vi chiedo, per favore, di pregare per me.

Grazie!

 

da Maria a Medjugorje
Messaggio del 2 gennaio 2020 Cari figli,so di essere presente nelle vostre vite e nei vostri cuori. Sento il vostro amore, odo le vostre preghiere e le rivolgo a mio Figlio. Però, figli miei, io voglio essere, mediante un amore materno, nella vita di tutti i miei figli. Voglio radunare attorno a me tutti i miei figli, sotto il mio manto materno. Perciò invito voi e vi chiamo apostoli del mio amore, perché mi aiutiate. Figli miei, mio Figlio ha pronunciato le parole: “Padre nostro”, Padre nostro che sei ovunque e nei nostri cuori, perché vuole insegnarvi a pregare con le parole e i sentimenti. Vuole che siate sempre migliori, che viviate l’amore misericordioso che è preghiera e sacrificio illimitato per gli altri. Figli miei, date a mio Figlio l’amore per il prossimo; date al vostro prossimo parole di consolazione, di compassione e atti di giustizia. Tutto ciò che donate agli altri, apostoli del mio amore, mio Figlio lo accoglie come un dono. E io sono con voi perché mio Figlio vuole che il mio amore, come un raggio di luce, rianimi le vostre anime, che vi aiuti nella ricerca della pace e della felicità eterna. Perciò, figli miei, amatevi gli uni gli altri, siate uniti mediante mio Figlio, siate figli di Dio che tutti insieme con cuore colmo, aperto e puro, dicono il Padre nostro e non abbiate paura!
Vi ringrazio

Messaggio del 25 dicembre 2019 Cari figli! Vi porto mio Figlio Gesù perché vi benedica e vi riveli il Suo amore che viene dai cieli. Il vostro cuore brama la pace che diminuisce sempre più sulla terra. Per questo gli uomini sono lontani da Dio, le anime sono ammalate e vanno verso la morte spirituale. Sono con voi, figlioli, per guidarvi su questo cammino di salvezza al quale Dio vi chiama. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

I messaggi da Medjugorje

Seguici sulla App o su Telegram: send ogni giorno il vangelo, una riflessione e i nuovi messaggi di Maria da Medjugorje